CSS Shenandoah 1864

CSS Shenandoah 1864

$523

Livello di abilità

4

Scala

Da 1 a 84

Lunghezza

42,5" (1080 mm)

Altezza

22,4" (570 mm)

Produttore

Cantiere navale per modellisti

SKU

MS1016

Kit nave CSS Shenandoah – Modellers Shipyard (KTMS1016)

Il kit dell’iconica nave CSS Shenandoah è ora disponibile.

Il CSS
Shenandoah
1864 è prodotto da Modellers Shipyard. Modellers Shipyard offre kit di modellini di navi e barche in legno storicamente accurati, che sono fedeli interpretazioni delle imbarcazioni originali.

Tutti i kit di Modellers Shipyard sono corredati da istruzioni di costruzione in inglese molto dettagliate, con foto a colori che mostrano ogni fase della costruzione del kit. Il kit può essere esposto come Shenandoah o Sea King, poiché entrambe le targhette sono incluse nel kit.

Come per tutti i nuovi kit navali di Modellers Shipyard, le paratie sono dotate di linee di carenatura tracciate al laser che garantiscono una carenatura facile, accurata e simmetrica, caratteristica unica dei kit navali progettati da Modellers Shipyard.

Visualizza le istruzioni per la CSS Shenandoah

I dettagli del kit sono: Scala: 1:84, Lunghezza: 1080mm, Larghezza: 260mm, Altezza: 570mm

Storia della CSS Shenandoah 1864

La CSS Shenandoah, in precedenza Sea King, era una nave con struttura in ferro e rivestimento in teak, con armamento a vapore ausiliario, comandata dal Comandante della Marina degli Stati Confederati James Waddell, un nord-caroliniano con vent’anni di servizio precedente nella Marina degli Stati Uniti.

Durante i 12 mesi e mezzo del 1864-1865 la nave intraprese un’azione di raid commerciale che portò alla cattura e all’affondamento o all’incollaggio di trentotto navi mercantili dell’Unione, per lo più baleniere di New Bedford. Questa nave è nota per aver sparato l’ultimo colpo della Guerra Civile Americana, contro una baleniera nelle acque al largo delle Isole Aleutine.

Il Sea King è stato costruito sul fiume Clyde, in Scozia. Progettata come nave da trasporto commerciale britannica per il commercio di tè in Asia orientale e per il trasporto di truppe, il suo viaggio inaugurale fu il trasporto di truppe britanniche in Nuova Zelanda. Il governo confederato la acquistò nel settembre 1864 per utilizzarla come incrociatore armato per catturare e distruggere le navi mercantili dell’Unione.

L’8 ottobre salpa da Londra, apparentemente per Bombay, in India, per un viaggio commerciale. Si incontrò a Funchal, Madeira, con il piroscafo Laurel, che trasportava gli ufficiali e il nucleo dell’equipaggio del Sea King, insieme a cannoni navali, munizioni e provviste. L’ufficiale in comando, il tenente James Iredell Waddell, supervisionò la sua conversione in nave da guerra nelle acque vicine. Tuttavia, Waddell riuscì a malapena a portare il suo equipaggio a metà della forza, anche con l’aiuto di altri volontari di Sea King e Laurel.

Il nuovo incrociatore fu messo in servizio il 19 ottobre e il suo nome fu cambiato in Shenandoah. La nave, comandata dal capitano Waddell, ha poi aggirato il Capo di Buona Speranza in Africa per raggiungere l’Australia. Mentre si trovava a Melbourne, Victoria, nel gennaio 1865, Waddell ottenne altri uomini e rifornimenti.

In accordo con i concetti operativi nati nel Dipartimento della Marina confederata e sviluppati dai suoi agenti in Europa, la Shenandoah fu incaricata di “cercare e distruggere completamente” il commercio in aree ancora indisturbate (cioè di attaccare le navi dell’Unione), e in seguito la sua rotta fu all’inseguimento dei mercantili sulla rotta Capo di Buona Speranza-Australia e della flotta baleniera del Pacifico.

Durante il viaggio verso il Capo ha raccolto sei premi. Cinque di queste vennero date alle fiamme o affondate, dopo che il capitano Waddell ebbe tratto in salvo equipaggio e passeggeri; l’altra venne vincolata e impiegata per il trasporto di prigionieri a Bahia, in Brasile.

La CSS Shenandoah in visita in Australia

Ancora a corto di equipaggio, anche se il suo equipaggio era stato aumentato con arruolamenti volontari dai premi, la Shenandoah arrivò a Melbourne, Victoria, il 25 gennaio 1865, dove riempì il suo equipaggio e i suoi magazzini.

La nave imbarcò anche 40 membri dell’equipaggio clandestini provenienti da Melbourne. Tuttavia, non furono arruolati finché la nave non fu fuori dai limiti legali delle acque australiane. Gli articoli di navigazione mostrano che tutti questi 40 membri dell’equipaggio si arruolarono il giorno della partenza da Melbourne, il 18 febbraio 1865. Diciannove membri dell’equipaggio disertarono a Melbourne, alcuni dei quali rilasciarono dichiarazioni di servizio al console degli Stati Uniti. Un’udienza del 1871 presso la Corte internazionale di Ginevra ha riconosciuto al governo statunitense un risarcimento di 820.000 sterline contro la Gran Bretagna per l’uso delle strutture portuali di Williamstown da parte della CSS Shenandoah.

La Shenandoah ottenne un solo premio nell’Oceano Indiano, ma la caccia divenne più redditizia dopo il riallestimento a Melbourne. In viaggio verso le zone di caccia alle balene del Pacifico settentrionale, il 3-4 aprile Waddell bruciò quattro baleniere nelle Isole Caroline. Dopo una crociera di tre settimane tra i ghiacci e le nebbie del Mare di Okhotsk che fruttò un solo premio, a causa di un avvertimento che lo aveva preceduto, Waddell si diresse a nord, oltre le Isole Aleutine, verso il Mare di Bering e l’Oceano Artico. La Shenandoah procedette poi alla cattura di altri 11 premi.

La CSS Shenandoah si arrende

Il 27 giugno 1865, grazie al premio Susan & Abigail, venne a conoscenza della resa del generale Robert E. Lee, quando il suo capitano produsse un giornale di San Francisco che riportava la fuga del governo confederato da Richmond, in Virginia, avvenuta dieci settimane prima. Lo stesso giornale conteneva il proclama del presidente confederato Jefferson Davis, dopo la resa di Lee, che la “guerra sarebbe stata portata avanti con rinnovato vigore”. In seguito catturò altre 10 baleniere nell’arco di 7 ore nelle acque appena sotto il Circolo Polare Artico. Solo il 2 agosto la Shenandoah venne a conoscenza dell’ultimo crollo confederato quando incontrò il barcone britannico Barracouta. Tra le notizie devastanti c’è la resa del generale Joseph E. Johnston e dei suoi vari eserciti (26 aprile), di Kirby Smith (26 maggio) e di Magruder e, cosa fondamentale, la cattura di Davis e di una parte del suo gabinetto. Il capitano Waddell disarmò la nave e tornò ad arrendersi a Liverpool.

Barracouta era arrivato da San Francisco; Waddell si stava dirigendo verso la città per attaccarla, ritenendola debolmente difesa. Immediatamente Shenandoah subì un’alterazione fisica. Fu smantellata come nave da guerra; la sua batteria fu smontata e colpita sotto, e lo scafo ridipinto per assomigliare a una normale nave mercantile.

A prescindere dal proclama di Davis e conoscendo l’inaffidabilità dei giornali dell’epoca, il capitano Waddell e l’equipaggio sapevano che tornare in un porto degli Stati Uniti avrebbe significato affrontare un tribunale dell’Unione con una prospettiva nordista della guerra. Hanno previsto correttamente il rischio di essere processati in un tribunale statunitense e impiccati come pirati. Questo dato si è poi rivelato esatto. I razziatori del commercio non furono inclusi nella riconciliazione e nell’amnistia concesse ai soldati confederati. Il capitano Raphael Semmes della CSS Alabama sfuggì alle accuse di pirateria arrendendosi il 1° maggio 1865 come generale di terra sotto Joseph E. Johnston. Gli ex marinai di Semmes si arresero come artiglieri.

La CSS Shenandoah fu quindi consegnata dal capitano Waddell al capitano della HMS Donegal il 6 novembre 1865, dopo aver viaggiato per 9.000 miglia (14.500 km) fino a Liverpool. Questa segnò l’ultima resa della guerra civile americana. È stata poi consegnata al governo degli Stati Uniti. Nei registri di guerra della Marina degli Stati Uniti, pubblicati nel 1894 con il titolo The Official Records of the Union and Confederate Navies in the War of Rebellion, si legge: “5 novembre – Arrivò nel Mersey, al largo di Liverpool, e lunedì 6 consegnò lo Shenandoah alla nazione britannica, con una lettera a Lord John Russell, premier della Gran Bretagna. (firmato) JAMES I WADDELL”.

Dopo la resa della Shenandoah agli inglesi, questi ultimi dovettero decidere cosa fare dell’equipaggio confederato, conoscendo le conseguenze dell’accusa di pirateria.

Dopo un’indagine approfondita da parte degli ufficiali della corona, fu deciso che gli ufficiali e l’equipaggio non avevano fatto nulla contro le regole di guerra o le leggi delle nazioni per giustificare la detenzione come prigionieri, quindi furono rilasciati senza condizioni. Ma le autorità degli Stati Uniti li consideravano pirati e li avrebbero trattati come tali se fossero caduti nelle loro mani.

La S.S. Lee, Orris M. Brown, John T. Mason e W. C. Whittle nel dicembre 1865 salpò da Liverpool per Buenos Aires, via Bahia, Rio de Janeiro e Montevideo. Dopo aver fatto un po’ di prospezione, si recarono a Rosario, sul fiume Paraná, e lì vicino acquistarono un piccolo terreno e iniziarono a coltivare.

Quando l’animosità del governo degli Stati Uniti cominciò ad ammorbidirsi nei loro confronti, Brown e Mason tornarono a casa, mentre Lee e Whittle tornarono qualche tempo dopo.

Tornato a casa, Mason seguì un corso di legge all’Università della Virginia, si laureò e si dedicò con successo alla sua professione. Si stabilì a Baltimora e sposò la signorina Helen Jackson, di New York, figlia del defunto tenente Alonzo Jackson della Marina degli Stati Uniti.

La Shenandoah rimase in mare per 12 mesi e 17 giorni, percorse 58.000 miglia (portando per l’unica volta la bandiera confederata intorno al globo) e affondò o catturò 38 navi, per lo più baleniere. Waddell fece quasi mille prigionieri, senza che il suo equipaggio facesse una sola vittima di guerra: due uomini morirono di malattia. Il motivo per cui la nave non ebbe vittime di guerra è che non fu mai coinvolta in una battaglia contro una nave della Marina dell’Unione, come la CSS Alabama, ma prese invece di mira le navi mercantili degli Stati Uniti.

Nel 1866 gli Stati Uniti, dopo aver preso possesso della Shenandoah, la vendettero al primo sultano di Zanzibar, che la ribattezzò con il suo nome (El Majidi). Il 15 aprile 1872 un uragano si abbatte su Zanzibar. La Shenandoah (El Majidi) era una delle 6 navi di proprietà di Seyed Burgash che furono spazzate a riva e gravemente danneggiate.

L’insegna di battaglia dello Shenandoah è nella collezione del Museum of the Confederacy dal 1907 ed è attualmente in mostra. Il tenente Dabney Scales CSN consegnò la bandiera a una cugina, Eliza Hull Maury, perché la custodisse. Eliza Hull Maury era figlia di Richard Launcelot Maury, figlio maggiore del commodoro Matthew Fontaine Maury. Il colonnello Richard Launcelot Maury CSA, fratello di Eliza, portò la bandiera dall’Inghilterra nel 1873 e la donò al Museo nel 1907. La bandiera stessa misura 88″ x 136″.

Livello di abilità

4

Scala

Da 1 a 84

Lunghezza

42,5" (1080 mm)

Altezza

22,4" (570 mm)

Produttore

Cantiere navale per modellisti

SKU

MS1016

Modelers Central. 2023, All rights reserved.

Get 10% off

your first order

10% off applies only to full-price items. By providing your email address, you agree to our Terms & Privacy Policy

Centrale dei modellisti. 2023, Tutti i diritti riservati.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.