JAMES CAIRD DI SHACKLETON

JAMES CAIRD DI SHACKLETON

$239

Livello di abilità

3

Scala

Da 1 a 20

Lunghezza

13,5" (345 mm)

Altezza

9,8" (250 mm)

Larghezza

4,3" (110 mm)

Produttore

Cantiere navale per modellisti

SKU

MS1023

Modello di barca James Caird di Shackleton – Modellers Shipyard (1023)

Il kit per il modellino della barca Shackleton James Caird è prodotto da Modellers Shipyard. Modellers Shipyard offre kit di modellini di navi e barche in legno storicamente accurati, che sono fedeli interpretazioni delle imbarcazioni originali.

Modeller’s Shipyard è orgogliosa di presentare un altro modello di nave in legno della nostra gamma di kit che hanno un significato per la storia marittima. Il kit del modello della James Caird di Shackleton è stato sapientemente progettato e costruito da John Staib, maestro progettista e costruttore di modellini navali.

Il kit è a doppio listello ed è corredato da istruzioni di costruzione in inglese molto dettagliate, con ampie foto a colori che mostrano ogni fase della costruzione dell’imbarcazione. Modellers Shipyard utilizza solo parti e accessori di altissima qualità.

La storia dello Shackleton di James Caird

Il viaggio del James Caird è stato un viaggio di 1.300 chilometri (800 miglia) da Elephant Island nelle Isole Shetland Meridionali attraverso l’Oceano Meridionale fino alla Georgia del Sud, intrapreso da Sir Ernest Shackleton e cinque compagni per ottenere il salvataggio del corpo principale della Spedizione Imperiale Trans-Antartica del 1914-1917. Gli storici polari considerano il viaggio dell’equipaggio su una scialuppa di 22,5 piedi (6,9 m) attraverso i “Furious Fifties” come uno dei più grandi viaggi su piccole imbarcazioni mai compiuti.

Nell’ottobre 1915, il pack ice nel Mare di Weddell aveva affondato la principale nave da spedizione
Endurance
lasciando Shackleton e i suoi 27 compagni alla deriva su una banchisa. Andarono alla deriva verso nord fino all’aprile 1916, quando la banchisa su cui erano accampati si spezzò, poi si diressero con le scialuppe di salvataggio della nave verso Elephant Island. I rigori dell’inverno antartico si stavano avvicinando rapidamente; la stretta spiaggia di ciottoli dove erano accampati era già spazzata da burrasche e bufere quasi continue, che distrussero una delle tende del loro accampamento temporaneo e ne fecero cadere altre. Le pressioni e le difficoltà dei mesi precedenti cominciavano a farsi sentire sugli uomini, molti dei quali erano in uno stato di esaurimento sia mentale che fisico.

In queste condizioni, Shackleton decise di cercare di raggiungere i soccorsi, utilizzando una delle barche. Il porto più vicino era quello di Stanley, nelle Isole Falkland, a 570 miglia nautiche (1.100 km; 660 miglia), ma reso irraggiungibile dai venti prevalenti da ovest. Un’opzione migliore era quella di dirigersi verso Deception Island, a 200 miglia nautiche (370 km; 230 miglia) di distanza, all’estremità occidentale della catena delle Shetland meridionali. Sebbene fosse disabitata, i registri dell’Ammiragliato indicavano che l’isola ospitava i magazzini per i naufraghi ed era visitata di tanto in tanto dalle baleniere. Tuttavia, raggiungerla comporterebbe anche un viaggio contro i venti dominanti – anche se in un mare meno aperto – senza alcuna certezza su quando o se i soccorsi arriveranno.

Dopo aver discusso con il comandante in seconda della spedizione, Frank Wild, e con il capitano Frank Worsley, Shackleton decise di tentare di raggiungere le stazioni baleniere della Georgia del Sud, a nord-est. Ciò avrebbe comportato un viaggio in barca più lungo di 700 miglia nautiche (1.300 km; 810 miglia) attraverso l’Oceano Meridionale, in condizioni di rapido avvicinamento all’inverno, ma con l’aiuto dei venti successivi sembrava fattibile. Shackleton pensava che “un gruppo di imbarcazioni avrebbe potuto compiere il viaggio e tornare con i soccorsi entro un mese, a condizione che il mare fosse libero dai ghiacci e che l’imbarcazione sopravvivesse al mare grosso”.

Le prime scelte di Shackleton per l’equipaggio della barca furono Worsley e Tom Crean. Shackleton era fiducioso che Crean avrebbe perseverato fino alla fine, e aveva grande fiducia nelle abilità di Worsley come navigatore, soprattutto nella sua capacità di elaborare posizioni in circostanze difficili. Worsley scrisse in seguito: “Sapevamo che sarebbe stata la cosa più difficile che avessimo mai intrapreso, perché l’inverno antartico era arrivato e stavamo per attraversare uno dei mari peggiori del mondo”.

Shackleton chiese volontari per i posti rimanenti. Molti si fecero avanti: lui scelse due forti marinai, John Vincent e Timothy McCarthy. Offrì l’ultimo posto al falegname McNish. “Aveva più di cinquant’anni”, scrisse Shackleton di McNish (in realtà ne aveva 41), “ma aveva una buona conoscenza delle barche a vela ed era molto veloce”. Vincent e McNish avevano dimostrato il loro valore durante il difficile viaggio in barca dal ghiaccio a Elephant Island.

Il gruppo di imbarcazioni della Georgia del Sud si aspettava di incontrare venti di forza pari a un uragano e onde – le famigerate Cape Horn Rollers – che misurano da un minimo a un massimo di 18 metri (60 piedi). Shackleton scelse quindi la più pesante e robusta delle tre barche, la James Caird, lunga 22,5 piedi (6,9 m). Era stata costruita a Londra come baleniera su ordine di Worsley, progettata secondo il principio della “doppia estremità” sperimentato dal costruttore norvegese Colin Archer.

Shackleton l’aveva chiamata così in onore di Sir James Key Caird, un filantropo di Dundee la cui sponsorizzazione aveva contribuito a finanziare la spedizione. Sapendo che un viaggio in mare aperto con un carico pesante era ormai inevitabile, Shackleton aveva già chiesto al carpentiere della spedizione, Harry McNish, di modificare le barche durante le settimane che la spedizione trascorse a Patience Camp. Utilizzando materiale prelevato dalla quarta barca dell’Endurance, una piccola lancia a motore che era stata smontata a questo scopo prima della perdita definitiva della nave, McNish aveva sollevato le fiancate della James Caird e della Dudley Docker di 8-10 pollici (20-25 cm).

Ora che si trovava nell’accampamento primitivo di Elephant Island, a McNish fu chiesto di nuovo se poteva rendere il James Caird più adatto alla navigazione. Utilizzando strumenti e materiali improvvisati, McNish ha costruito un ponte di fortuna in legno e tela, sigillando il suo lavoro con colori a olio, stoppino di lampada e sangue di foca. L’imbarcazione fu rinforzata con l’albero della Dudley Docker fissato all’interno, lungo la chiglia. Fu quindi allestita come ketch, con il proprio albero di maestra e un albero di mezzana ricavato dall’abbattimento dell’albero di maestra della Stancomb-Wills, armato per portare vele di prua e un fiocco.

Il peso dell’imbarcazione fu aumentato con l’aggiunta di circa 1 tonnellata di zavorra, per ridurre il rischio di capovolgimento in alto mare che Shackleton sapeva avrebbe incontrato. Worsley riteneva che fosse stata aggiunta troppa zavorra (formata da rocce, sassi e ciottoli prelevati dalla spiaggia), che rendeva la barca eccessivamente pesante, dando un movimento “rigido” estremamente scomodo e ostacolando le prestazioni per la navigazione di bolina o contro il tempo. Tuttavia ha riconosciuto che la preoccupazione maggiore di Shackleton era quella di evitare che la barca si rovesciasse durante la traversata in mare aperto.

La barca era carica di provviste per sei uomini per un mese; come scrisse in seguito Shackleton, “se non avessimo raggiunto la Georgia del Sud in quel lasso di tempo, saremmo sicuramente affondati”. Presero le confezioni di razioni destinate alla traversata transcontinentale, biscotti, Bovril, zucchero e latte secco. Presero anche due barili d’acqua da 18 galloni (68 litri) (uno dei quali fu danneggiato durante il carico e lasciò entrare l’acqua di mare), due stufe Primus, paraffina, olio, candele, sacchi a pelo e strani indumenti di ricambio.

Dopo essere sopravvissuta a una serie di pericoli, tra cui un quasi capovolgimento, l’imbarcazione ha raggiunto la costa meridionale della Georgia del Sud dopo un viaggio di 17 giorni. Shackleton, Tom Crean e Frank Worsley attraversarono le montagne dell’isola per raggiungere una stazione baleniera sul lato nord. Qui organizzarono il soccorso dei tre uomini rimasti sul lato sud dell’isola e del gruppo di Elephant Island. Alla fine, l’equipaggio dell ‘Endurance tornò a casa senza perdite di vite umane. Dopo la prima guerra mondiale, nel 1919, la James Caird fu trasferita dalla Georgia del Sud all’Inghilterra. Dal 1922 è regolarmente esposta nella vecchia scuola di Shackleton, il Dulwich College.

JAMES CAIRD DI SHACKLETON 1.

Livello di abilità

3

Scala

Da 1 a 20

Lunghezza

13,5" (345 mm)

Altezza

9,8" (250 mm)

Larghezza

4,3" (110 mm)

Produttore

Cantiere navale per modellisti

SKU

MS1023

Modelers Central. 2023, All rights reserved.

Get 10% off

your first order

10% off applies only to full-price items. By providing your email address, you agree to our Terms & Privacy Policy

Centrale dei modellisti. 2023, Tutti i diritti riservati.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.

Sconto del 10%

il tuo primo ordine

Lo sconto del 10% si applica solo agli articoli a prezzo pieno. Fornendo il vostro indirizzo e-mail, accettate i nostri termini e la nostra politica sulla privacy.